Chi Siamo

QUESTA NON È UNA STORIA D’IMPRESA FATTA DI CIFRE E DI DATE

È il lungo racconto dei cent’anni di una famiglia che con l’impresa si è intrecciata e identificata fino a diventare un insieme unico. La ricostruzione è stata possibile grazie anche alle testimonianze di molte persone, soprattutto anziane, i cui ricordi sarebbero forse andati perduti. L’intento, più che di ripercorrere una cronologia industriale e finanziaria, è scoprire qu ali valori individuali e collettivi permettono a un’entità viva qu al è una comunità d’impresa, di crescere e di perpetuarsi con successo nel tempo.

Click here

La storia di un'Azienda costituisce un forte patrimonio valoriale e genetico; è un DNA che ci si porta dietro e la cui riscoperta conduce a un naturale innesto di questo patrimonio nel presente.

 Value report

 

In un'epoca in cui i cambiamenti tecnologici e le accelerazioni a cui siamo soggetti ci portano a consumare tutto così velocemente, è importante prendersi del tempo per riflettere, leggere e "respirare" una parte del nostro passato, saper riconoscere il valore delle persone e dei principi di cui sono state e sono tutt'ora portatrici.

Per conoscere i "segreti" che hanno reso possibile la crescita e che hanno determinato la solidità del gruppo Zambon negli anni è quindi necessario non solo ripercorrere la cronologia industriale e finanziaria, ma anche indagare i valori individuali e collettivi che ad essa si sono legati.
La storia Zambon non è fatta solo di cifre e di date, ma soprattutto di cento anni di una famiglia che con l'impresa si è intrecciata e identificata fino a diventare un insieme unico.

1906
L'11 Novembre Gaetano Zambon avvia a Vicenza l'attività del "Magazzino medicinali Zambon" insieme a Silvio Farina.

1908
La società viene denominata "Gaetano Zambon e C.".

1920
Si dà il via alle attività di produzione di preparati galenici Zambon.

1928
La società assume il marchio "Zef", dai nomi dei due soci: Gaetano Zambon e Silvio Farina.

1932/1933
Insieme alla produzione dei farmaci inizia anche l'attività di sintesi delle materie prime.

1938
Nasce il primo laboratorio di ricerca Zambon a Vicenza.

1944
Il 14 maggio lo stabilimento Zambon viene raso al suolo dai bombardamenti americani su Vicenza.

1946
Ricostruzione dello stabilimento Zambon a Vicenza dopo la distruzione. L'organico conta 550 collaboratori.

1948
Alberto Zambon, 24 anni, figlio di Gaetano, assume la guida dell'Azienda.

1956
Costruzione della prima filiale in Brasile.

1960
Costituzione della filiale spagnola. I laboratori Zambon sintetizzano la N-acetilcisteina.

1961
La sede viene trasferita a Bresso con uffici amministrativi e laboratori di ricerca. Nello stesso anno si avviano i rapporti con il Giappone e la collaborazione con la società EISAI, che ottiene la licenza per produrre sul territorio giapponese il cloramfenicolo iniettabile.

1963
Viene costituito il nuovo stabilimento produttivo a Cadempino.

1965
Inaugurazione dello stabilimento svizzero a Lamone per prodotti Zambon.

1965/1975
In questi anni avviene lo sviluppo internazionale del Gruppo, che apre proprie filiali nei principali paesi europei, in Centro e Sud America.

1979
La ricerca Zambon individua una nuova molecola: fosfomicina trometamolo.

1985
Dalla ricerca Zambon viene elaborata una nuova combinazione di molecole: ibuprofene e arginina.

1995
Zambon apre in Russia e ad Hong Kong; viene costituita una Joint Venture in Cina per la fornitura di N-acetilcisteina. La FDA americana approva la produzione della fosfomicina trometamolo per il mercato statunitense.

2000
Inaugurato lo stabilimento cinese ad Haikou per prodotti Zambon destinati al mercato locale.

2003
Costituzione di Zcube, incubatore di nuove imprese in settori innovativi.

2006
Zambon Group celebra il Centenario.

2008
Nasce il Museo Zambon.

2010
Zambon si dota di un solido network di "External Manufacturing Management", un virtual plant di produzione esternalizzata che raccoglie oltre 80 terzisti in tutto il mondo

2012/2013
Zambon entra in due nuove aree terapeutiche: quella del Sistema Nervoso Centrale (CNS) con la molecola Safinamide per il trattamento del Parkinson e quella delle Malattie rare con l'acquisizione da Philips di Profile Pharma per il trattamento della fibrosi cistica. 

2014
Il CHMP raccomanda l'approvazione di XadagoTM (Safinamide) per il trattamento della malattia di Parkinson nell'Unione Europea.

2015
Zambon ottiene l’approvazione da parte della Commissione Europea per la commercializzazione di Xadago® per pazienti con Malattia di Parkinson in stadio medio-avanzato.
Zambon lancia LANCIA Xadago® (Safinamide) in Germania per pazienti in stato medio-avanzato con malattia di Parkinson.